Filosofia. Contestazione

confucio

Confucio diceva che arrendersi è il più grande vantaggio che si può dare al proprio nemico.
E’ pertanto presumibile che, a suo giudizio, vincere rappresentasse il più grande svantaggio.
Conclusioni alle quali peraltro, circa duemilacinquecento anni dopo, diede ragione un altro grande cinese: Mao.

Pensiero

Large communist rally of Red Guards waving Little Red Books of Quotations of Chairman Mao Zedong during Great Proletarian Cultural Revolution, at Tian An Men Square in 1966.

In natura non esiste animale che ubbidisca alle leggi del branco quanto l’uomo, il quale è in grado di costituire dei “branchi” anche costituiti da più di un miliardo di persone al cui apice vi è un solo individuo.

Poesia

apocalisse1

CIVILTA’

Mattoni di sterco
sono basi ad edifici
che toccano il cielo.
Uragani di piaghe
e di sangue
si abbattono su nocchieri
che guidano male
il timone della loro vita.
Vagoni di sperma
usato godendo
mai per amore
vanno verso il mare
coperti di mosche affamate.
L’ultimo aliante
che portava pensieri
è precipitato da tempo
ed ora il cielo di piombo
è solcato da aerei
dalle pance gonfie di odio.
Mille bimbi piangono vero
perché non capiscono
ma c’è una madre per tutti
che li consola
con voce drogata e sicura.
L’ultima arca affonda
e noi
ripetendo il discorso
di chi è morto illudendo
restiamo stupiti.

Sensazioni

vecchia4

I momenti importanti della nostra vita, sono più veloci delle nostre percezioni e non siamo in grado di fermarli in quanto, in un certo senso, possiedono una sorta di autonomia che riesce ad anticiparci per restare poi, indelebilmente scolpiti, nella nostra memoria.

Pensiero

gabbia22

Il fatto che io esprima una condanna nei confronti dell’ego, in quanto fautore di una prorpia autoregolazione, è la conferma che anch’io ne sono vittima.

Aforisma

manifestazione6

Molto spesso succede che si condivida quello che accade perché non si comprende cio che è.

Pensiero

tribù

Il concetto di nazione è l’evoluzione di quello più semplice primitivo di tribù.

Pensiero

sbaglio

Non sempre gli errori ci fanno maturare, perché, molto spesso è proprio la consapevolezza di aver sbagliato ad incrinare la fiducia in noi stessi.

Pensiero

avarizia1

Idealmente l’avarizia può essere vista come parsimonia da chi deve elargire e taccagneria da chi deve acquisire.

Poesia

morte22

LA MIA CITTA’

Il viaggio dell’avvoltoio
finisce
nell’aeroporto
della mia città.
Dove
lo sguardo dei
topi necrofagi
si posa avido
sulla sfilata degli scheletri.
Dove
la barca di Caronte
giunge
ogni mattina
per raccattare gli avanzi
del viale delle vetrine.
Dove
mani lacerate
offrono lembi di carne
ai morsi
del becco adunco.
Dove
le tendopoli sovrapposte
sullo stagno
delle crisalidi umane
formano
grappoli di vita spontanea
e il tempo è scandito
dal battito d’ali
dei pipistrelli diurni.
Dove
il mondo delle circonlocuzioni
è immerso
nello spazio aperto
dei viaggi provvisori
e un grido muto
crea necropoli
in un mondo anfibio
di saliva.
In vaghe sembianze
catarifrangenti
tornano le luci uccise
dai lacci di illusione
mentre
i giorni e gli anni
vittime
di un immenso gioco di bocce
sono in fila
a vivere in distanza.
Il ghepardo
ha perso una zampa
per avere
una coda in più.
Il cerchio centrale
non è perfetto
se i cerchi esterni
sono irti di punte
volte all’interno.
Quando
il fuoco della lente
è puntato su
meandri di incoscienza
anche l’urlo dei muti
può
essere logico.
Il girotondo
è impenetrabile.
Il filo del discorso
resta sospeso.
E’ ormai sera.
L’avvoltoio
riprende il suo viaggio.