Poesia

 

                                  Prendimi per mano

Prendimi per mano 

Fammi contento

Conducimi

Lungo quel sentiero

Che porta lontano

Nello spazio nel tempo.

Dammi parole nuove

Parole nuove

Che non esistono ma sento.

Insegnami a percorrere

La lunga strada

Della quale

Non vedo la fine.

Insegnami

A vedere i miei passi

Che tagliano il buio.

Dimmi che quel sentiero

Che si erge in collina

Conduce a qualcosa

Ad un luogo diverso

Che sarà sempre questo.

Dimmi di stringerti forte la mano

Di seguire i tuoi passi

Di chiudere gli occhi

Ed io lo farò.

Sensazioni

Ad un passo dall’eternità! Mi piace pensarlo. Non sarà mai così, anche se in un certo senso………

Concatenazione

La vita è irrimediabilmente e ineluttabilmente dispensatrice di morte e non potrebbe essere altrimenti perchè, dovesse anche impercettibilmente discostarsi da questa logica, ne resterebbe irreversibilmente vittima.

Pensiero

Solo tu  sei così poliedricamente avvincente, bradisisticamente eccelsa, giunonicamente sessuale, sentimentalmente polarizzante, femminilmente esaltante, pluralmente avvolgente, cerebralmente multiforme, superlativamente unica, recrudescentemente vincente, biologicamente perfetta e esteticamente sublime su tutto, su tutti, su me.
Non è così che si dovrebbe avvincere una donna : A volte basta un fiore.

Pensiero

E’ inevitabilmente consequenziale che l’acquisizione della fama tolga a qualsiasi uomo l’entità reale della propria identità e che questa venga sostituita da un’immagine indelebile, completamente falsata ed ovviamente ben lontana dalla propria e destinata, nei casi più malaugurati, a divenire storica.

Pensiero

Nell’attesa del rito, l’aspetto del tempio sprofondava in un tenue effluvio di sensazioni narcotizzanti; vittime della propria penombra.

Poesia

                                                MALATTIA                                            

Coprendo le spoglie

di ricordi passati

di tristezza si alza

un velo che cinge

le mie labbra

tagliate d’arsura.

E questa tristezza

ch’è nuova

resta da sola

a rinnovare il ricordo

coperto ma vivo

della vita trascorsa.

Triste malanno

insensibile a cure

date da un malato

che cura se stesso.

Sensazioni

Un fuoco nella notte, il tepore della legna che arde, noi tutti intorno.
Noi………… noi no. Sono solo, il fuoco si è spento; torno a casa.

Pensiero

Vecchio come la terra, si usa dire.
Giovane come l’aqua, si usa dire.
Entrambi elementi inscindibili di uno stesso mondo, si usa dire.

Introspezione

Essere o non essere ha senso per chi deve essere sempre e comunque suo malgrado?