Spazio e tempo

Tag

Ormai ne sono certo. Se avessi la possibilità di tornare indietro nel tempo, su di un punto, almeno su di uno, mi comporterei molto diversamente. Sempre ammesso e non concesso ovviamente ch’io possa esserne consapevole chè altrimenti non muterei comunque nulla essendo la nostra vita già programmata nel modo illusoriamente migliore. Data la nostra assoluta impossibilità di programmare il futuro parallelamente alle mutazioni ambientali, psicologiche e sopratutto genetiche che, ogni realtà, per quanto oculata, non potrà mai essere la migliore.

Annunci

Sensazioni

Tag

Spesso la speranza vacilla lasciando quel senso di vuoto, di assenza e di provvisorietà tanto detestato ma che ha riempito tante ore dell’esistenza.

Poesia

CALEIDOSCOPIO
Il tuo sguardo
Non varca
Le pareti della stanza.
Ho io i tuoi occhi.
Vedo attentati di profughi.
La notte
Sento
Rulli di tamburi.
La forca è pronta
E tu non lo sai.
Lo spalto
È irto di fucili.
Caleidoscopio!
Non sai da che parte
Giunge
Lo sparo vero.
Tutto rotea
Nel tramonto
Degli specchi.
Desidero solo la mano
Per potertela tendere
Sempre.

Pensiero

Tag

I figli sono le uniche persone a cui si può dare affetto senza il bisogno che se lo meritino.

Sensazioni

Tag

La morte che ho sentito tanto vicina era solo una sensazione che mi hai dato tu.

Introspezione

Tag

A lungo ho creduto che tra la vita e la morte vi fosse una terza dimensione ma mi sbagliavo: vi è solo una lucida fusione di entrambe.

Aforisma

Tag

Troppo spesso la felicità è cugina del rimorso.

Sensazioni

Tag

Attendendo la rivincita su di una sconfitta mai subita, osservo il tempo passare e, come una pantera nera, mi nascondo nell’ombra.

Pensiero

Come sempre alla fuga dei timori subentra un ritorno all’ottimismo.
Comunque ci si possa mimetizzare, alla fin fine, come siamo uomini noi uomini!

Poesia

Tag

FRECCIA DI FUOCO
Una freccia di fuoco
separa i destini
di un calice muto
affranto dal tempo.
Un serpe fugace
che
guizzando nel buio
per brevi secondi
si staglia lontano
oltre
l’eterno scrimolo
del baratro infinito.
Uccidi colui
che separa i vocaboli
nelle enciclopedie
tarpate
da idiomi lontani
sconosciute sapienze
di
bugiarde realtà
narrate ai sepolcri.
Pietre frantumate
nell’epitaffio scolpito
da false profezie
narrate
in tempi lontani
ad ingenui discepoli
di malate virtù
non uccise dal tempo
ma
da menzogne dorate
da sempre
e
per sempre.