Tag

uomo fragile.jpg

 

DECOMPOSIZIONE

Fermati

contando

le cellule malate

immerso

in vapori di acido

preservanti

età di cristallo.

Per uscire all’aperto

rompi la bottiglia.

Poi via di corsa

decomponendo i passi

di strade

percorse in fretta.

Immobile.

Bocca dell’ombra

apri un varco.

No!

E’ ancora buio.

Le cellule

restano aggrappate.

Divorano.

Non puoi fuggire.

Cellule bianche.

Fantasia!

Voglio un corpo trasparente

di cascate d’acqua.

La piena

porta la melma.

Corpo visibile

ancora.

Coperto di cellule

sporche

Cammina

latte di sangue.

Fuggi!

Sulle spalle

è l’inseguitore.

Voltati!

Mordi di paura

e sparati.

Tanto poi si ricomincia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci