Tag

,

terremoto1.jpg

Terremoto…

E’ strano come una vita organizzata e civile, nello spazio di pochi attimi, possa sfaldarsi, venire quasi totalmente annullata da una cataclisma. Ma è perlomeno altrettanto strano che la solidarietà, percepita abitualmente soltanto a livello individuale, solo in questi casi giunga, in un certo qual senso, a collettivizzarsi autonomamente e, senza alcun tipo di coercizione, ci faccia sentire vicini come non mai a chi soffre. Forse però, tutto ciò non è poi sempre così strano come sembra. L’apparente fenomeno deriva pure dal fatto che il nostro subcosciente percepisce un legame inscindibile con quell’io collettivo che ci ha forse permesso di sopravvivere come specie e che in questo frangente ci induce ad individuarci o, addirittura, a sentirci parte integrante delle vittime. E’ triste pensare pertanto che purtroppo a volte la nostra meravigliosa solidarietà si traducca in una sorta di meschina autocommiserazione e addirittura, paura personale mascherata di altruismo.

Annunci