Tag

Vi sono periodi in cui, come in un susseguirsi di diapositive preordinate, l’esistenza cambia i suoi quadri attraverso una serie di istantanee successive immerse in un’immobilità senza emozioni, senza alternazioni di sorta ma sopratutto senza che si intravveda neppure una propria immagine riflessa.