Tag

,

Leggendo Maupassant ho compreso che non vi sono limiti alla poesia. Anche un uomo lucido, raziocinante, intelligente e meraviglisamente coerente quale egli era, può restarne vittima e credo, non solo per motivi patologici.