ATTESA                                                       

Pennellate vigorose

dalle tinte intense

si rispecchiano

sui pallidi specchi

dei nostri visi

che guardano impotenti.

Le pareti e

i mobili

che stanno intorno

immersi nella penombra

trattengono il respiro.

L’aria è più pesante

ogni attimo che passa.

Si prova fatica

a restare in silenzio.

Eppure

tutti speriamo che

nessuno

inizi il discorso.

Pare quasi che

il tempo

sempre così veloce

si sia fermato

per divertirsi

nell’assaporare

i nostri

timori mal celati.

Sgomento

pietà e

paura

scorgono in anticipo

il nostro respiro

che si va spegnendo.

Non guardi più nulla.

Anche per noi

l’attesa è finita.