SOLUZIONE                                                        

Mille uomini

con la falce

cavalcano

intorno ai letti moribondi.

Contatto!

E sul baratro

si accendono

le luci verdastre

dell’ultimo atto.

Gli occhi

scrutano il buio

alla ricerca dell’attimo

in cui le rane

potranno riprendere

il loro concerto.

L’ignoto che guida la

danza

dei folletti di piuma

urla frasi screziate

che si rifrangono

sui muri amplificanti.

Ora che

il cono retrattile

ai limiti del cranio

crea il dio greco,

la spada dei vocaboli

si affonda

in torrenti di

sangue morbido.

Ma il fresco sapore della morte

data

con la cura estrema

di chi crea la vita

non seduce.

Il contorcersi

in meandri di pensieri

atoni.

Il seguire i discorsi di menti precostituite.

Il vagare tra le ombre

dei pozzi sincretici.

E’ combattere

un esercito di specchi

con possibilità di soluzione.

Solo apparente.