Nelle fasi progressive della propria evoluzione il moralista è represso, si autoreprime e quindi reprime. A volte infine si sopprime.